Itinerari Italiani e Tipicità: la Festa delle Rose a Busalla (GE)

Per secoli e fino ad alcuni decenni fa, nella Valle Scrivia (entroterra di Genova) era comunemente diffusa negli orti e giardini delle abitazioni contadine, la coltivazione delle rose da sciroppo, dai cui petali si producevano sciroppi, confetture e altre ricette particolari, utilizzate anche per le proprietà officinali.

Le condizioni ambientali della Valle Scrivia, infatti, sono favorevoli all’impianto delle rosacee in generale e in particolare delle rose; le principali varietà utilizzate a tale scopo sono fra le più antiche, rugosa e muscosa, selezionate nel tempo fino a raggiungere una rusticità e un grado di adattamento al territorio che si prestano a una coltivazione “naturale”.

Le Regine della Festa!!!

Attraverso ricerche sui testi e la raccolta di testimonianze sul campo, si sono recuperate le antiche ricette dello sciroppo e della confettura di rose, per salvare dall’oblio un prodotto tradizionale dalle molte virtù.

Lo sciroppo di petali di rosa ha un colore e un profumo intensi; è fatto solo con rose, zucchero e limone, senza coloranti né conservanti, in piccoli laboratori coi fiori coltivati in valle senza l’uso di prodotti chimici. Si può utilizzare come bibita diluito in acqua fresca, o come aperitivo aggiunto a vino bianco. Nel tè caldo sostituisce lo zucchero e dà un gusto particolare a sorbetti e gelati, panna cotta, yogurt, macedonie e crêpes. Essendo completamente artigianale col tempo può cambiare colore e profumo; si consiglia di conservarlo al riparo da luce e calore, e dopo l’apertura in frigorifero.

Dolcetti alle rose

Tuttavia, oltre diventare il famoso sciroppo,  le rose si trasformano qui in altri prodotti, quali gobeletti, canestrelli, amaretti, meringhe, ravioli, prelibate salse per condire pasta e arrosti o confetture da accompagnare a pane e formaggi, magari provenienti proprio dall’Entroterra Ligure.

La festa delle rose di Busalla è un contenitore di eventi che, nel secondo weekend di giugno, permette a tutto il paese di essere coinvolto nella promozione delle preziose rose: gli allievi delle scuole realizzano disegni e libri per abbellire le vetrine del paese, i commercianti intonano i loro spazi al tema della rosa, i bar realizzano nuovi aperitivi e cocktail a base di petali di rose, sciroppo o rosolio, i ristoranti predispongono menù dove la rosa è protagonista dall’antipasto al dolce e il resto della popolazione si organizza nell’abbellimento di balconi e giardini, per rendere Busalla il più accogliente possibile.

Il famoso sciroppo alle rose

Lungo le principali piazze di Busalla e lungo via Veneto è organizzato un grande mercato di prodotti tipici locali. Punto centrale Piazza Macciò, sede del Palazzo Municipale, nella quale saranno presenti i produttori dell’Associazione “Le Rose della Valle Scrivia” e le rappresentative dei presidi Slow Food della regione Liguria. Inoltre diversi gli eventi di intrattenimenti per grandi e piccini. Insomma un bell’evento che, ogni volta, mi fa sentire catapultata alle soglie dell’estate, tra colori, sapori e profumi di uno dei miei fiori preferiti.

Se decidete di andare visitate anche i dintorni tra cui il Castello della Pietra a Vobbia e Borgo Fornari (dove per questo weekend si segue il tema della vicina Busalla).

By http://sarainviaggio.altervista.org/

Su e giù per l'Italia

Informazioni su sarainviaggio

Sono nata e vivo a Genova. Amo i viaggi e sono nata per viaggiare. Mi piace scoprire, imparare, assaggiare, vivere esperienze da ogni parte del Mondo. Ho avuto la fortuna di toccare tutti i 5 continenti e di visitare diversi Stati del Mondo (alcuni anche più volte). Voglio continuare ancora, a lungo e, soprattutto, con mio marito e, virtualmente, con tutti voi che mi seguirete su questo blog. Grazie a chi metterà un Mi Piace, tra i membri di Facebook, alla mia pagina di viaggi!

Precedente Benvenuti a Madrid, la capitale di Spagna! Successivo I Templi Megalitici di Malta, testimonianze storiche in scenari paesaggisti spettacolari