Itinerari Italiani e Tradizioni: il Pavimento del Duomo di Siena

Dal 18 agosto fino al 25 ottobre, i visitatori del Duomo di Siena potranno vedere, anche per quest’anno, il pavimento scoperto.

Il pavimento del Duomo di Siena è un eccezionale capolavoro composto da cinquantasei tarsie marmoree realizzate a partire da cartoni forniti da alcuni grandi artisti del Rinascimento, tra i quali il Pinturicchio, il Sassetta, Domenico di Bartolo, Domenico Beccafumi.

Realizzate in parte a graffito (ovvero con solchi tracciati sulle lastre di marmo bianco successivamente riempiti di stucco nero) e in parte a commesso (con marmi di colori diversi accostati a creare le figure) le tarsie concorrono a formare un capolavoro unico, indicato anche da Giorgio Vasari come il più bel pavimento mai eseguito.

Il significato delle figurazioni sottende un invito alla sapienza.

Il pavimento del Duomo di Siena normalmente è coperto onde preservarne lo stato di conservazione: ammirarlo non è dunque sempre possibile. Una volta all’anno però si può (salvo eccezioni).

Quest’anno, il pubblico potrà vederlo tutti i giorni, dal lunedì al sabato dalle 10:30 alle 19 e la domenica dalle 9:30 alle 18. Il biglietto per accedere al Duomo costa 7 euro. Ridotto 5 euro per gruppi e scuole. Info sul sito dell’Opera del Duomo di Siena. Noi ci siamo stati qualche anno fa (ma a siena ci andiamo decisamente più spesso perché adoriamo questa cittadina).

Per info e acquisto del biglietto http://operaduomo.siena.it/it/visita/

By http://sarainviaggio.altervista.org/

Su e giù per l'Italia

Informazioni su sarainviaggio

Sono nata e vivo a Genova. Amo i viaggi e sono nata per viaggiare. Mi piace scoprire, imparare, assaggiare, vivere esperienze da ogni parte del Mondo. Ho avuto la fortuna di toccare tutti i 5 continenti e di visitare diversi Stati del Mondo (alcuni anche più volte). Voglio continuare ancora, a lungo e, soprattutto, con mio marito e, virtualmente, con tutti voi che mi seguirete su questo blog. Grazie a chi metterà un Mi Piace, tra i membri di Facebook, alla mia pagina di viaggi!

Precedente Nel paradiso naturale degli allevatori, la Valle dell'Orkhon (Mongolia) Successivo Al di là dei nostri Monti: le suggestive Gole del Verdon