Volo lunghissimo? Ecco qualche consiglio per affrontarlo meglio…

Spesso ci è capitato di volare per molte ore prima di arrivare alla destinazione o, per lo meno, ad uno scalo in cui poter scendere per qualche oretta, curiosare i duty-free shop, ecc… Quindi vediamo insieme qualche piccolo accorgimento per affrontare un volo “a Lungo raggio”

  1. Innanzitutto è fondamentale riposare a sufficienza prima di un lungo viaggio. Se possibile, una volta imbarcati settate i vostri orologi con l’orario del paese nel quale atterrerete. Prestate attenzione anche al fattore abbigliamento: optate per una linea comoda e portate con voi sempre una felpa in più da usare in caso sentiate freddo.
  2. Al momento della prenotazione fate attenzione a scegliere un posto che sia adatto alle vostre esigenze. Questo è acquistabile separatamente rispetto al costo del biglietto. Noi, ad esempio, prediligiamo la business class o, qualche volta la premium economy (ma più per i voli “a medio raggio”).
  3. Mettetevi comodi. Prendete tutto il necessario con voi (cuscinetto gonfiabile per il collo, mascherina per gli occhi, eventuale lettura, ecc…) e riponete il resto nel vano porta oggetti sopra le vostre teste, in modo da avere più spazio per le gambe e per voi stessi.
  4.  In genere, per i viaggi a lunga percorrenza, i pasti principali sono inclusi nel costo del biglietto. Non temete di consumarli, sebbene siano ad elevato contenuto di carboidrati, poiché questi vi energizzeranno ed aiuteranno nel recupero dal jet lag. Cercate di non consumare bevande alcoliche, gassate, con ghiaccio, caffè e te, ma optate per acqua naturale e succhi. Vi idrateranno e non contrastano con la pressurizzazione della cabina.
  5. Quando si passano molte ore nella medesima posizione, si può avvertire ogni tipo di fastidio, dalla sensazione di pesantezza alla gambe fino a veri e propri dolori. Tutto ciò si amplifica in volo, anche a causa della pressione. Per evitare tali inconvenienti è dunque consigliabile muoversi e praticare semplici esercizi per migliorare la circolazione.
  6. Tenete a portata di mano una crema idratante per il viso e le mani (piccola ovviamente e presa al duty free) e il burro di cacao (contro la disidratazione), lo spazzolino da denti e qualche medicinale (non si sa mai. A volte io ho dovuto prendere un antidolorifico contro la nevralgia da aria condizionata).
  7. Cercate di distrarvi per tutta la durata del viaggio magari guardando un film, leggendo, ascoltando musica o, se alla destinazione è notte, dormendo.

Oltre a questi piccoli accorgimenti, ricordatevi sempre di tenere a portata di mano anche i documenti ed una penna con cui compilare gli eventuali moduli da consegnare all’ufficio immigrazione e alla dogana del Paese di arrivo. Solitamente, meglio avere a portata di mano anche l’indirizzo del primo posto in cui soggiornerete, nonché il numero dei voli e gli orari di arrivo e di partenza dalla Nazione in questione. In ultimo, consultate, per tempo, il regolamento delle compagnie aeree riguardante le normative di imbarco/sbarco, il peso e le dimensioni dei bagagli e la sicurezza in generale. A tale proposito, ricordo, ad esempio, che sui voli per il Regno Unito e gli USA provenienti da dieci aeroporti di otto Paesi in Medio Oriente e Nord Africa, tutti i dispositivi più grandi di uno smartphone non sono più ammessi a bordo e vanno posti nel bagaglio da stiva.

Buon volo!

By http://sarainviaggio.altervista.org/

La "dispensa" del viaggiatore

Informazioni su sarainviaggio

Sono nata e vivo a Genova. Amo i viaggi e sono nata per viaggiare. Mi piace scoprire, imparare, assaggiare, vivere esperienze da ogni parte del Mondo. Ho avuto la fortuna di toccare tutti i 5 continenti e di visitare diversi Stati del Mondo (alcuni anche più volte). Voglio continuare ancora, a lungo e, soprattutto, con mio marito e, virtualmente, con tutti voi che mi seguirete su questo blog. Grazie a chi metterà un Mi Piace, tra i membri di Facebook, alla mia pagina di viaggi!

Precedente Percorrendo la Great Ocean Road, la strada dalle mille sorprese Successivo Il Museo dell'Oro di Bogotà e la leggenda dell'"El Dorado"