Sardegna: 5 luoghi assolutamente da non perdere

Ogni volta che guardo lo spot della Birra Icnusa, mi tornano in mente tanti ricordi, più o meno recenti, della Sardegna. I migliori sono quelli in settembre/ottobre, quando restava poca gente sulle spiagge e se ne incontrava altrettanta un po’ ovunque. Eppure si poteva ancora fare i bagni. Meta classica delle vacanze estive (soprattutto luglio e agosto sono affollatissimi) la Sardegna merita quindi di essere scoperta anche in un diverso periodo dell’anno.

L’azzurro puro del mare, il verde aspro che si mescola al grigio, il giallo del sole che abbraccia la terra: in Sardegna la bellezza è lì, a portata di mano (o meglio di traghetti). Dal nord dell’Arcipelago della Maddalena, del Golfo dell’Asinara e della Costa Smeralda, passando per il centro con la Barbagia dal profumo selvatico fino a toccare il sud di Iglesias, Sulcis e Cagliari: non serve andare tanto lontano per regalarsi un tuffo in un territorio dalle mille sfumature.

Se, dunque, volete concedervi una vacanza, un momento di relax tutto per voi o da condividere con i vostri cari, non vi resta che fare le valigie e partire. La Sardegna è facilmente raggiungibile via mare con i tanti traghetti che la collegano alla terraferma. Ovviamente nei periodi di alta stagione dovete comunque cominciare a prenotare verso gennaio, febbraio al massimo, quanto meno il traghetto. Con Traghetti Sardegna, per esempio, il viaggio si può prenotare, in qualsiasi momento, dal computer o dal cellulare, scegliendo fra le diverse offerte delle compagnie di navigazione.

Uno dei traghetti in partenza da Genova

Arbatax, Cagliari, Golfo Aranci, Olbia, Porto Torres, Santa Teresa di Gallura: questi i porti in cui potrete arrivare con i traghetti per la Sardegna. E, poi, via alla scoperta dell’isola tra luoghi e spiagge da vedere. Ecco cinque idee da non perdere.

  1. L’Arcipelago della Maddalena. Deve il suo nome all’isola maggiore, La Maddalena. Gli amanti delle bellezze naturalistiche potranno trovare nel Parco della Maddalena la meta ideale per una vacanza tra mare e terra. Con i suoi 180 km di coste, l’Arcipelago offre celebri spiagge, tra insenature e cale. L’Arcipelago della Maddalena, oltre che con bio-diversità, fa pure rima con storia: con le sue fortificazioni per esempio. Da non dimenticare poi l’isola di Caprera, con le sue memorie garibaldine.
  2. Stintino. Situata nel Golfo dell’Asinara, raggiungibile con i traghetti che arrivano a Porto Torres, Stintino è una delle località più conosciute della Sardegna. Meta ogni anno di tantissimi turisti, può essere scoperta con più tranquillità quando i litorali sono meno affollati. Da non perdere la spiaggia della Pelosa, resa celebre dal colore dell’acqua che la bagna, dalla sabbia fine e chiara e dalla torre aragonese che sorge sull’isolotto antistante. Se volete concedervi un po’ di relax ideale la Caletta di Coscia di donna.

    La famosa spiaggia La Pelosa presso Stintino
  3. Il Golfo di Orosei. Tra i tanti tesori naturalistici della Sardegna è da annoverare la zona di Cala Gonone, dove, lungo la costa, è possibile ammirare lo spettacolo delle Grotte. Le cale del golfo, immortalate da celebri film, sono raggiungibili talvolta via mare o, via terra, attraverso escursioni. Un’idea per chi, al piacere del mare unisce l’amore per le camminate. Tra le spiagge del Golfo di Orosei si segnala, per esempio, Cala Luna. Chi ama le attività all’aria aperta potrà dare libero sfogo alle sue passioni. La zona offre pure una particolare ricchezza dal punto di vista archeologico e culturale.
  4. Villasimius. Monti e mare, archeologia e arte: sono questi gli ingredienti di Villasimius. Non troppo lontano da Cagliari (punto di attracco di tanti traghetti per la Sardegna), Villasimius è una delle località più amate e famose dell’isola. Con un passato che affonda le sue radici in epoca romana, mostra le tracce del trascorrere della sua storia: dalle torri costiere ai resti dei nuraghi, veri e propri simboli della Sardegna. Non mancano, poi, le bellezze della natura da scoprire non solo d’estate. Porto Giungo, Capo Boi, Punta Molentis, Punta Porceddus e Capo Carbonara: questi alcuni dei nomi da tenere a mente.

    Uno scorcio di Carloforte
  5. Carloforte (soprattutto se, come noi, siete genovesi)Approdo dell’isola di San Pietro, Carloforte rappresenta l’unico centro abitato dell’isola che rimane uno dei luoghi dove respirare il senso della natura incontaminata. Carloforte lega la sua storia a quella di Genova, conservando ancora oggi nella lingua tracce della colonizzazione da parte dei liguri provenienti dall’isola di Tabarca. Per gustarne la storia, fermatevi a tavola tra specialità come il canestréllu e il fainò o come il cascà, il cous cous del posto. Su tutti, il tonno: l’ingrediente simbolo del luogo.

Allora? Siete convinti? Se non lo siete ancora del tutto, continuate a seguirci perché, prima o poi, vi stuzzicheremo con altri articoli per farvi conoscere e amare la Sardegna.

By http://sarainviaggio.altervista.org/

La "dispensa" del viaggiatore

Informazioni su sarainviaggio

Sono nata e vivo a Genova. Amo i viaggi e sono nata per viaggiare. Mi piace scoprire, imparare, assaggiare, vivere esperienze da ogni parte del Mondo. Ho avuto la fortuna di toccare tutti i 5 continenti e di visitare diversi Stati del Mondo (alcuni anche più volte). Voglio continuare ancora, a lungo e, soprattutto, con mio marito e, virtualmente, con tutti voi che mi seguirete su questo blog. Grazie a chi metterà un Mi Piace, tra i membri di Facebook, alla mia pagina di viaggi!

Precedente Kangaroo Island, un paradiso australiano Successivo Oggi mangiamo qui ( 5 App utili a procacciarsi un pasto online)