Lapponia, la terra di Babbo Natale

Cosa c’è di più magico e di più bello che tornare bambini con un viaggio nella patria di Babbo Natale e i suoi Elfi? Oltretutto ci si può divertire come pazzi e godere dell’Aurora Boreale (meteo permettendo). E allora eccoci pronti… Destinazione Rovaniemi!!! Con la slitta volante? No…con l’aereo da Malpensa il cui arrivo nella “Terra dei Mille Laghi”, al tramonto ci regala già forti emozioni.

Napapiri (ovvero il Circolo Polare Artico)
Napapiri (ovvero il Circolo Polare Artico)

Atterrati andiamo a subito a noleggiare le tute termiche e proseguiamo per Haparanda, nella vicina Lapponia Svedese dove abbiamo l’hotel. Una meraviglia di paesino! Qui, sotto Natale, si illuminano gli edifici per vincere la competizione per la “Casa più Illuminata”!!!

La casa più illuminata di Haparanda
La casa più illuminata di Haparanda

Il mattino dopo si parte per la Lapponia Finlandese (basta attraversare un ponte per sconfinare). Meta di oggi Kivalot dove ci aspettano un pranzo in un rifugio in mezzo ai boschi, una bella passeggiata a piedi nei dintorni, la sauna finlandese e un giro sulla slitta trainata dai cani!!! Torniamo ad Haparanda davvero divertiti e, siccome, dopo la nevicata del pomeriggio è tornato sereno e freddo, ci godiamo l’Aurora Boreale!

Pronti a partire con la slitta tirata dai cani della fattoria di Hulla
Pronti a partire con la slitta tirata dai cani della fattoria di Hulla

La meta del 30 dicembre è Savotta, nuovamente in Finlandia. Qui oggi abbiamo in programma una visita ad una fattoria con renne ed una coppia di proprietari assolutamente unica! Pekka e signora infatti, all’arrivo dal nostro giro in motoslitta che ci ha portati a vagabondare sul mare ghiacciato del vicino Golfo di Botnia, ci hanno preparato una sorpresa pazzesca: la cena dei boscaioli. In cosa consiste? Adesso ve lo spiego perché si tratta di un’esperienza davvero insolita e divertentissima! Assieme ad altre persone, ci hanno invitati ad entrare nella loro casa e ci hanno travestiti tutti da boscaioli. Da quel momento in poi hanno parlato solo Finlandese e ci hanno messo al collo cartellini con nomi in lingua locale. Ci hanno però concesso di ordinare la cena in lingua inglese (per fortuna se no chissà che cosa avremmo mangiato). Durante la cena però, tra una portata e l’altra, ci siamo sfidati, a squadre, a gare del tipo “chi pianta più chiodo in un tronco (bagnato se no  ti voglio)” e cose simili. Da piegarsi dalle risate… Alla fine della cena, danze locali per tutti (tanto i costumi locali già li indossavamo).

Si guida una di queste da Savotta al Golfo di Botnia e ritorno
Si guida una di queste da Savotta al Golfo di Botnia e ritorno

Ultimo giorno dell’anno. Qui si può festeggiare ben due volte, ma prima abbiamo un esame ed una visita altrettanto importanti. L’esame si svolge a Rovaniemi presso un villaggio dei Sami. Qui dobbiamo guadagnarci la patente per poter condurre la mitica slitta di Babbo Natale, quella guidata dalle renne!!! Conquistata la preziosa tesserina, ci dirigiamo al villaggio di Santa Claus dove incontriamo Elfi, Santa e dove si respira un’atmosfera particolare: da un lato torni un po’ bambino, dall’altro ti senti un po’ turista (ed effettivamente…). Comunque la cosa ci piace e, alla fine, ritorniamo di colpo adulti andando a visitare il Artikum, dove abbiamo modo e tempo per approfondire la nostra conoscenza della Lapponia e dei Sami.

Pronti per l'esame di guida della slitta con le renne
Pronti per l’esame di guida della slitta con le renne

La sera ci aspettano ben due Ultimo dell’Anno. Il primo lo torniamo a festeggiare sul Golfo di Botnia. Qui ci accolgono fate, sciamani e altri personaggi insoliti e, alla fine, si accende la scritta del nuovo anno, il 2012. Il fuoco illumina la notte il mare ghiacciato riflette la sua luce.

Torniamo ad Haparanda, un’ora indietro rispetto alla Finlandia, dove il personale dell’hotel ci fa trovare un’altra sorpresa. Bottiglia di spumante per il brindisi in un salone meraviglioso ai piani alti e vista sui fuochi d’artificio. Tra l’altro, tornando, ci siamo anche fermati di colpo per vedere l’Aurora Boreale dell’Anno Nuovo!!! Che notte!!!

P.s. Ovviamente i colori non sono così accesi, ma intensificando la luminosità al momento della visualizzazione sul p.c., alla fine, li ho fatti venire fuori. L’Aurora Boreale, comunque, resta un grande spettacolo.

L'aurora Boreale nella Lapponia Finlandese
L’aurora Boreale nella Lapponia Finlandese (la prima del 2012)

Il giorno successivo, ci dirigiamo nuovamente nella vicina Lapponia Finlandese e qui visitiamo un parco: il Ranua dove troviamo tutta la fauna artica, orsi polari compresi, in un habitat adeguato e protetto. Alla fine visitiamo una mostra di sculture ghiacciate e ci dirigiamo nuovamente in hotel dove ci aspetta un’ennesima eccezionale cena.

Uno degli orsi bianchi si rotola nella neve
Uno degli orsi bianchi si rotola nella neve

Il due di gennaio ci rechiamo  verso Rovaniemi dove depositiamo le tute termiche (servono soprattutto quando si va in slitta e si esce di notte) e ci imbarchiamo, a malincuore su un volo per l’Italia, ma contiamo di tornare in questi luoghi dove l’atmosfera e il silenzio dei boschi ti fanno sentire davvero bene e dove la natura segue, sempre e comunque il proprio corso, anche in pieno inverno.

By http://sarainviaggio.altervista.org/

Reportage dall'Europa

Informazioni su sarainviaggio

Sono nata e vivo a Genova. Amo i viaggi e sono nata per viaggiare. Mi piace scoprire, imparare, assaggiare, vivere esperienze da ogni parte del Mondo. Ho avuto la fortuna di toccare tutti i 5 continenti e di visitare diversi Stati del Mondo (alcuni anche più volte). Voglio continuare ancora, a lungo e, soprattutto, con mio marito e, virtualmente, con tutti voi che mi seguirete su questo blog. Grazie a chi metterà un Mi Piace, tra i membri di Facebook, alla mia pagina di viaggi!

Precedente Malta un'isola dai mille volti Successivo Scenari da film Hollywoodiano! Quando la Natura dà una mano allo spettacolo (l'Oceania)