L’Antelope Canyon, un luogo unico e suggestivo nel cuore della terra

Durante il nostro lunghissimo giro in auto nei Parchi Nazionali USA, ci siamo imbattuti in una zona davvero incredibile. Usciti dalla Monument Valley, in  direzione del Grand Canyon, siamo arrivati a Page. Qui,  in Arizona, al confine con l’Utah, a pochi chilometri dalla città, infatti, vicino al Lake Powell, si trova l’Antelope Canyon, il più suggestivo ed imperdibile slot canyon (canyon stretto) degli Stati Uniti sud-occidentali.

Il Lake Powell

Si tratta di incredibili e misteriose formazioni geologiche naturali, opera del vento e dell’acqua che, in milioni di anni, hanno eroso la pietra arenaria, dando origine ad incantevoli percorsi che si sviluppano come delle spirali… non a caso è anche chiamato “corkscrew Canyon”, ossia “Canyon a cavatappi”.

Horseshoe Bend

Situato sulla terra dei Navajo (Nà-va-ho), è un luogo da sogno, possibilmente da visitare quando i raggi del sole sono perpendicolari al suolo terrestre, riuscendo a filtrare tra le piccole insenature del canyon, dando vita a suggestivi giochi di luci ed ombre, indescrivibili a parole.

Nell’Upper – foto 1

La storia narra che l’Antelope Canyon venne scoperto nel 1931, da una pastorella indiana appartenente alla tribù dei Navajo, mentre cercava una pecora fuggita dal branco.

Essendo soggetto ad inondazioni impreviste, il canyon può essere visitato solo con delle escursioni guidate. Questa meraviglia paesaggistica, che attira sempre folle di turisti ed aspiranti fotografi alla ricerca dello “scatto mozzafiato”, è davvero imponente, con i suoi 240 metri di altezza. Si arriva all’ingresso dell’area, composta da due formazioni distinte: l’Upper Antelope Canyon e la Lower Antelope Canyon , tramite mezzi fuoristrada.

Nell’Upper – foto 2

L’ingresso all’Upper Antelope, che in lingua Navajo significa “il luogo dove l’acqua scorre tra le rocce”, si presenta come una fenditura nella roccia del deserto e, appena entrati, ci si trova di fronte a stretti passaggi tra rocce striate di una bellezza indescrivibile, con geometrie e curve perfette. Il canyon deve il suo nome alle numerose greggi di antilocapre americane (pronghorn) che pascolavano in questa zona e veniva utilizzato dagli indiani Navajo per fare pascolare le mandrie durante l’Inverno.

Nell’Upper – il Lupo

Mentre l’Upper Antelope Canyon è facilmente accessibile e presenta con più frequenza il fenomeno della penetrazione dei raggi di luce; Lower Antelope Canyon ha un accesso più impegnativo, con scalette di ferro e un percorso non semplicissimo. Tuttavia ha due vantaggi non da poco: la presenza di molti meno turisti e la possibilità di trattenersi al suo interno per tutto il tempo che si desidera.
Per prenotare il vostro tour:

http://navajotours.com

https://www.antelopecanyon.com

https://www.navajoantelopecanyon.com/index.asp

 

By http://sarainviaggio.altervista.org/

Reportage dall'America

Informazioni su sarainviaggio

Sono nata e vivo a Genova. Amo i viaggi e sono nata per viaggiare. Mi piace scoprire, imparare, assaggiare, vivere esperienze da ogni parte del Mondo. Ho avuto la fortuna di toccare tutti i 5 continenti e di visitare diversi Stati del Mondo (alcuni anche più volte). Voglio continuare ancora, a lungo e, soprattutto, con mio marito e, virtualmente, con tutti voi che mi seguirete su questo blog. Grazie a chi metterà un Mi Piace, tra i membri di Facebook, alla mia pagina di viaggi!

Precedente Un "nobile" weekend a Genova Successivo Rovaniemi...Non solo Babbo Natale