Itinerari di Viaggio: “Un assaggio di Scozia, terra di Laghi, Castelli ed Isole”

A luglio del 2014, prima di partire per un lungo viaggio in terre lontanissime con mio marito, sono andata in Scozia con mamma e ne sono rimasta piacevolmente colpita. Vi presento alcune tra le varie tappe del mio “primo assaggio” di Scozia , creando per voi un itinerario che chiunque può ripetere, oppure, personalizzandolo, può arrivare a crearne uno proprio. Nel frattempo, ne cercherò uno un più lungo e intenso, per portarci anche il mio consorte…

1º GIORNO
Edimburgo – Glasgow km 74

Arrivo all’aeroporto di Edimburgo. Qui si prende un veicolo a noleggio e si va a Glasgow. Nel pomeriggio, si va in hotel, si fa un primo giro in città e si cena in uno dei ristoranti locali.

Consiglio, per questo volo breve Easy Jet ( presa con anticipo ha tariffe vantaggiose)

Glasgow

2º GIORNO
Glasgow – Mull 

La nostra giornata inizia con un breve giro panoramico della città prima della partenza per Inveraray. Raggiungiamo il Loch Lomond, il più grande lago scozzese e lo costeggeremo da sud a nord per tutta la sua lunghezza arrivando infine al Loch Fyne, pittoresco fiordo famoso per le sue ostriche. In mattinata arriviamo poi a Inveraray. Visitiamo il Castello omonimo, dimora del Duca di Argyll, capo del Clan Campbell. Nel pomeriggio attraversiamo con un traghetto da Oban il braccio di mare che separa la terraferma dall’Isola di Mull e, in poco meno di un’ora, arriviamo a Craignure.

“Me felice” (a Glasgow)
Loch Lomond

3º GIORNO
Mull: Escursione alle Isole Iona e Staffa 

In mattinata salpiamo per una mini-crociera all’Isola di Staffa, famosa per le sue grotte le cui pareti, a forma di canne d’organo, sollecitate dal vento, emettono suoni melodiosi che, tra l’altro, ispirarono Mendelssohn nella composizione della sua “Ouverture delle Ebridi”. La crociera, della durata di circa due ore, termina presso la minuscola Isola di Iona dove si visita l’Abbazia. Tornati con il traghetto su Mull proseguiamo per Fishnish per la breve traversata per Lochaline. Da qui si attraversa Dornie, dove facciamo una breve sosta per vedere gli esterni di Eilean Donan, il più emblematico castello scozzese dove è stato girato il film “The Highlander”. Proseguiamo per Kyle of Lochalsh.

Verso l’attracco a Mull
Staffa in vista!

P.S. Delle Isole Ebridi trovate anche un reportage più dettagliato sul nostro sito.

4º GIORNO
Kyle – Isola di Skye – Inverness km 280

Il programma della giornata inizia con l’attravesamento del ponte per Skye dove ne visitiamo il capoluogo Portree. Nel primo pomeriggio, tornate sulla terraferma,  ci dirigiamo a Fort Augustus lungo il Canale di Caledonia formato, tra l’altro, dal Loch Ness. Questo lago è famoso soprattutto per il suo leggendario mostro che si aggira dalle parti dell’altrettanto famoso Castello. La nostra giornata si concluderà a Inverness.

P.S. Anche sul Mostro trovate un reportage a lui dedicato.

Loch Ness


Inverness – Aberdeen km 104 

Iniziamo la giornata con la visita del Castello di Urquhart per poi riprendere l’itinerario lungo la valle del fiume Spey dove si attraverseranno molti piccoli fiumi, suoi affluenti, i cui nomi appaiono sulle etichette di famosi whiskies di malto: il Rothes, il Glenlivet, l’Isla, il Deveron e molti altri. Noi ce ne andiamo a visitare la distilleria “Glenlivet”, da cui ne usciamo, strano ma vero, sobrie e con scatole di cioccolatini al whisky e “mignon” da portare in Italia per amici e parenti appassionati. Nel pomeriggio, arriviamo a Stonehaven per vedere le rovine del Castello di Dunnottar, situato a picco sul Mare del Nord: uno scenario drammatico come le vicende che culminarono con la sua distruzione dopo anni di assedio. Dopo la visita del castello proseguiamo per Aberdeen, famosa per l’estrazione del petrolio. Qui gli elicotteri fanno da spola tra la terraferma e le piattaforme petrolifere.

Il Castello di Dunnottar

6º GIORNO
Aberdeen – Edimburgo km 206

Partite da Aberdeen, ci dirigeremo ad Edimburgo. Prima però faremo tappa a Forfar dove si visiterà il Castello di Glamis, tuttora dimora del Duca di Strathmore. Visitato il castello e i suoi  grandiosi e meravigliosi giardini, proseguiamo per la nostra destinazione finale, Edimburgo. Fatto il giro della città (indicativamente: Princes Street, la Cattedrale di St. Giles, Holyroodhouse, il Monumento a Walter Scott ed i luoghi più emblematici di Edimburgo), ci facciamo consigliare dal personale del nostro hotel, un locale in cui poter vivere una vera e propria “serata scozzese” con cena tipica, musiche e balli del folclore locale. Qui, ci facciamo coraggio ed assaggiamo il famoso haggis, il piatto nazionale scozzese, un piatto molto semplice a base di frattaglie di pecora tritate e poi miscelate con farina d’avena ed altri ingredienti. (lo trovate anche nella nostra rubrica: Nei panni di “Assaggiatrice Seriale”). Scopriamo che non è affatto male…anzi…ci piace!

La “vecchia” Edimburgo…Colori ed atmosfere degne di Dottor Jekyll e Mister Hyde

7º GIORNO
Edimburgo e Rosslyn km 20

La giornata inizia con il breve trasferimento a Roslin, dove si visiterà la famosa Rosslyn Chapel la cui storia, iniziata nel XV secolo, si intreccia con la storia dei Cavalieri Templari, con la Massoneria Scozzese e con quanto descritto nei romanzi di Dan Brown che da qui ha colto l’ispirazione per il suo “Codice da Vinci”. Dopo la visita, torniamo in città e ci dirigiamo al Castello di Edimburgo. Saliamo alla cittadella fortificata che lo circonda. Una volta vista e preso varie foto panoramiche, scendiamo nuovamente nelle strade di Edimburgo e ci concediamo un buon dolcino presso una pasticceria francese prima di continuare a girare qua e là.

La famosa ed inquietante Rosslyn Chapel
Verso la Cittadella

8º GIORNO
Edimburgo – Italia

Rientriamo in Italia e mi segue in aereo anche la voglia di tornare…in Scozia naturalmente!

 

By http://sarainviaggio.altervista.org/

Sulle strade del mondo (itinerari di viaggio)

Informazioni su sarainviaggio

Sono nata e vivo a Genova. Amo i viaggi e sono nata per viaggiare. Mi piace scoprire, imparare, assaggiare, vivere esperienze da ogni parte del Mondo. Ho avuto la fortuna di toccare tutti i 5 continenti e di visitare diversi Stati del Mondo (alcuni anche più volte). Voglio continuare ancora, a lungo e, soprattutto, con mio marito e, virtualmente, con tutti voi che mi seguirete su questo blog. Grazie a chi metterà un Mi Piace, tra i membri di Facebook, alla mia pagina di viaggi!

Precedente Qualche consiglio per la propria "Farmacia da Viaggio" Successivo Itinerari Italiani e Tipicità: la Fiera Nazionale del Marrone a Cuneo (CN)